17 ottobre 2011

LA DISFATTA DEL 15 OTTOBRE 2011
(Una storica brutta giornata)
Carissimi amici...
Una protesta globale, contro la globalizzazione mondiale dei finanzieri e dei mal Governi, (che hanno affamato e affamano interi popoli) hanno indotto spontaneamente svariate migliaia di cittadini a protestare pacificamente per affermare il diritto alla sopravvivenza. Lo sfacelo morale, gli intrallazzi dei vari finanzieri e le continue guerre per il petrolio hanno provocato   un disastro economico incolmabile.
Ma non tutto è perduto”: i giovani hanno il dovere di “lottare “ per il proprio futuro.
L’amarezza di essere braccati in un labirinto senza uscita può portare all’esasperazione. Specialmente coloro che non riescono a vivere in  modo dignitoso e vedere un futuro migliore, perché pieni di debiti e senza lavoro.  Dall’alto preme sui cittadini una cappa di piombo chiamato Parlamento. Parlamento che non riesce a prevalere sul “miserabile” Governo incapace di gestire una crisi con soluzioni eque. L’arricchimento delle banche, dei finanzieri senza scrupoli ... e di enti vari, hanno portato il nostro paese allo sfacelo. Lo scompiglio sociale disorienta i cittadini onesti che dopo una giornata di lavoro, (quelli che ce l’hanno) hanno il diritto di godersi un poco di tranquillità familiare. Dal “basso” l’anelito dei giovani ad avere Giustizia sociale protesta pacificamente... ma viene pressato da una parte da violenze organizzate, addestrate e finanziate non si sa da chi. Dall’altra da altri poveracci che fanno i poliziotti o i carabinieri per campare o per amor di patria.
Costretti ad usare violenza per difendere la propria vita nella confusione totale.  Anch’io sono confuso e mi chiedo a che servono i servizi segreti, di spionaggio e contro spionaggio, e gli altri servizi preposti alle indagini preventive... se non riescono a vedere in anticipo o almeno gestire una pacifica protesta di cittadini con accanto i propri figli? Il passato non ha insegnato niente agli strateghi delle sommosse? Chi protesta pacificamente ha il diritto ad essere difesi!
Per coloro che non hanno fatto... e non fanno il loro dovere, potendolo fare,
nutro il più profondo disprezzo.
Ai giovani chiedo per il loro bene di lottare per crearsi un futuro migliore.
Calogero Di Giuseppe

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

VERSO LAMPEDUSA

V E R S O L A M P E D U S A

Calogero Di Giuseppe

Donare se stessi ... è questo che dovrebbero fare tutti i Poeti.

Soprattutto amare tutto e tutti. Non bisogna essere per forza santi... ma essere coerenti con la sensibilità della “espressione dell’anima”, chiamata Poesia.

Non si può essere poeti e infischiarsene del prossimo.

Migliaia di disperati scappano verso il mare per la Libertà e la trovano nei fondali del mare...

o prima ancora nell’arsura dei deserti.

Questo mi suggerisce la poesia della sensibile amica

Luisa Colnaghi.
..............
Arrivati alla spiaggia
lacerati nel corpo
con l'animo vuoto
sono sfuggiti alla tempesta
la lingua straniera
tradita nel ricordo
… fame, freddo
del tempo coloniale
scaldati al fuoco di Dio
dividiamo il nostro pane
Sanfrancesco ha donato
veste e mantello
ha parlato al lupo
.....
27 maggio 2011Luisa Colnaghi

L'ITALIA S'E' DESTA



L’ITALIA SE DESTA





DAL 13 Giugno scorso il “Tricolore” della nostra Bandiera è più pulito. Splende di più. Si è liberato dal grigiore in cui l’avevano infangato alcuni cittadini italiani. I veri italiani non sono un popolo di ladri o puttanieri. È naturale che in una nazione vi siano delle minoranze di farabutti e degli avanzi di galera che, spesso, sopprimono i bisogni dei cittadini esemplari.



ORA L’ITALIA S’È DESTA ...



lo dimostrano gli ultimi tre eventi elettorali democratici. Finalmente l’Italia ha riscattato il proprio onore con un Nuovissimo Risorgimento Italiano". La spazzatura è ancora al potere: diamoci da fare con una scopa nuova.



Vigiliamo e non fidiamoci di nessuno.



Calogero





AUTORI OSPITI

Pioltello, Via George Bizet, Musicista

I GRANDI UOMINI

......................

PEPPINO IMPASTATO

Giuseppe Impastato è uno dei grandi eroi sacrificatosi per la dignità della Sicilia e per riscattare la dignità di ogni uomo degno di tale nome. Ha lottato contro la mafia di cui “il padre ne era componente”. La verde città di Pioltello gli ha dedicato uno dei suoi grandi giardini pubblici per bambini, in via George Bizet proprio davanti ai plessi delle scuole elementari e medie. Nel cippo che lo ricorda si può leggere una delle sue poesie sottoscritta.

Lunga è la notte

e senza tempo.

Il cielo gonfio di pioggia

non consente agli occhi

di vedere le stelle.

Non sarà il gelido vento

a riportare la luce

né il canto del gallo,

né il pianto di un bimbo.

Troppo lunga è la notte

senza tempo

infinita.

..................................................................

Ai prepotenti d’Italia, “Poetica Onestà” ricorda che sono ad un passo dalla morte: fisica e morale.

Neanche i vermi potranno sopportare la loro anima puzzolente.

Calogero