18 dicembre 2016

PAPA FRANCESCO



ROMA 17 DICEMBRE 2016 
FESTA MONDIALE PER IL PAPA
I senza tetto e il Papa.
Ama il prossimo tuo come te stesso.
A Francesco Bergoglio (Papa Papà) auguri da tutto il mondo per suo compleanno. Lui fa colazione con i senzatetto e offre dolci nelle mense dei poveri di Roma. Ai cardinali chiede: "Pregate perché la mia vecchiaia sia tranquilla, religiosa, feconda e gioiosa". E a maggio sarà a Fatima. Papa Francesco ha iniziato il giorno del suo ottantesimo compleanno facendo colazione insieme ai senzatetto, invitati nella sua residenza di Casa Santa Marta. Dolci argentini e bevande calde, mentre il pontefice e i suoi ospiti dialogavano per mezz'ora. Poi il Papa ha celebrato messa insieme ai cardinali nella Cappella Paolina. E ha concluso l'omelia dicendo: "Un po' di umorismo aiuta ad andare avanti. Il Signore ci dia questa grazia". Ogni Papa ha le sue caratteristiche… Papa Bergoglio ha quella di conservare le origini differenziandosi dai suoi predecessori in modo originale e straordinario.

3 dicembre 2016

L'EROINA MILENA GABANELLI

....*.....
Milena 4 giorni fa.
......*.....
MILENA GABANELLI
REPORTER ESEMPLARE
Abbiamo conosciuto una Milena Gabbanelli combattiva e determinata ma anche una donna umana e sensibile che, in occasione dell'ultima puntata di Report, si è commossa dato che, dopo la bellezza di 20 anni di conduzione, ha lasciato le redini del noto programma di denuncia a Sigfrido Ranucci. 29 novembre 2016. Milena Gabbanelli appartiene al Pianeta Speciale Donna: non è l’unica… ma è un essere umano raro… specialmente nel mestieraccio di giornalista onesto.
Purtroppo, ora che si è dimessa si deve dedicare a rivedere le tantissime denunce avute per difendersi e non avere guai con la “Giustizia”.  Mi auguro che come me ci siano milioni di persone, specialmente donne, che le assicurano almeno un appoggio morale. http://tuttokalosghero.blogspot.it/p/pianeta-donna.html Visita pianeta donna e scrivici una email. 
Milena nel 1996
Spero che almeno qualche giornalista si penta di averla lasciata sola.
Ai politici mafiosi che la contrastano diciamo di non accanirsi.
Se ancora hanno una coscienza. Calogero. 

25 novembre 2016

LA LIBERTA' NON ESISTE

Don Chisciot
UNO CONTRO TUTTI?
E Calogero lotta inutilmente, senza frutti?
 .....*.....
L A   L I B E R T A’? 
NON ESISTE!...
IL SOPRUSO E L'ARROGANZA Sì!...
Essere liberi significa fermarsi prima di bloccare e offendere la libertà altrui! Esempio: io non posso essere libero di rubare agli altri, come fanno alcuni politici. Né diventare Capo di Governo senza farsi votare dai cittadini. Renzi e company lo hanno fatto! Gli italiani siamo diventati (lo siamo sempre stati?) un popolo di "ingoia tutto", creduloni per inerzia. Più avanti faremo l'analisi dei vari professionisti degli imbrogli politici. I media di qualsiasi tipo, con le chiacchiere dei ciarlatani politici, confondono i cittadini a tal punto da non sapere che fare. Usano la tattica delle navi da guerra ... che per confondere il nemico lanciano fumo per non farsi vedere per non affondare. Vi siete mai chiesti quanto personale in più ha la nostra R.A.I.? Vi siete mai chiesti quanto potere ha Bruno Vespa? E i giornalisti opportunisti? E i reggi microfoni con le loro domande cretine? E il CORRIERE DELLA SERA da che parte sta? Dei poveri? Più avanti analizzeremo punto per punto. Ci scusiamo con le persone oneste in grandissima minoranza.
.
ATTACCO FRONTALE
.
DOMANDE DA UN MILIONE DI EURO:
LA LIBERTA’ La libertà non esiste! Eppure tanti la invocano sapendo che non si può essere veramente liberi senza offendere gli altri…
ONOREVOLI SENZA ONORE Abbiamo avuto 3 capi di governo senza essere votati
Ci hanno rubato la libertà di votare quindi sono ladri chi ha contribuito a far questo!
I CIARLATANI
Esistono dei ciarlatani che, essendo dei politici, hanno la possibilità di frequentare i media di qualsiasi tipo divagando continuamente senza far capire nulla al pubblico. Senza informare delle decisioni prese a loro svantaggio. E’ la tattica del calamaro: lancia l’inchiostro nero
per non farsi mangiare dai pesci più grossi.
I GIORNALISTI
I giornalisti dovrebbero essere imparziali ma e difficile esserlo! Ma schierarsi con i ladri e con i malfattori è tutto un'altra cosa. Assecondare le truffe dei governi e di altri malfattori è molto differente si va contro ogni regola etica e morale.
I REGGI MICROFONI
Chiunque ha già visto in televisione, o altrove, dei “giornalisti” che in qualche paesino famoso
perché abitato da mafiosi, vedendo dei cittadini seduti in qualche panchina, o davanti a qualche bar, vedere e sentir dire: Scusate: è vero che qui vi abitano appartenenti alla mafia? Il presunto giornalista si stupisce per la risposta: Non so nulla vada via. Pretende che l’interrogato rischia la vita o altro per un fesso come lui!
I CODARDI
Ci sono anche i giornalisti tira a campare:
Se fanno una intervista ad un politico e alla sua domanda risponde all’incontrario di quanto affermato il giorno pima o qualche settimana prima, invece di dirgli: ma scusi ma ieri non aveva detto all’incontrario? Dice grazie … senatore o peggio: onorevole!
L’importante è tirare avanti e fregare gli onesti!
LEGGI SENZA LEGGE
Pretendere la riduzione dai senatori o dai parlamentari facendo votare loro stessi è fumo negli occhi ai cittadini. Basta fare un referendum popolare in una settimana è risolto il problema.
.


PROFESSORI CHE NON PROFESSANO
Fino a qualche decennio fa le Università in Italia erano fucine di proteste politiche e culturali sino all’esageraziòne. Addirittura rivoluzionarie. In questo periodo di inerzia totale i Professori delle scienze politiche e culturali e simili si notano per l’assenza totale. Inerzia che ci costa la “dittatura politica” e la distruzione della Democrazia: non si vota più. Oltre a ciò la distruzione dell’Unione Europea che ci ha portato alla TERZA QUERRA MONDIALE come ci ha informato Papa Francesco. Dal punto di vista culturale alcuni professori che “professano” la Poesia non sono certo di esempio; né comportamentale né come Poeti perché spesso astrusi e artificiali.
Calogero Di Giuseppe 24 11 2015


ABDUL RESTITUISCE UN PORTAFOGLI
Lecce 1 novembre 2016
L'uomo lavora come ambulante a Lecce. Ha percorso 40 chilometri per riportare soldi e documenti al proprietario, che ha raccontato con un post su Facebook il gesto che lo ha commosso. L’imprenditore ha promesso di trovargli un lavoro fisso. Speriamo che il nostro governo e i nostri parlamentari Facciano lo stesso con noi cittadini: ridarci i soldi e la libertà rubati. Calogero Di Giuseppe 28 11 2016.




12 novembre 2016

BEN TORNATO A GIANNI MINOLI

UNA PERSONA SEMPLICE DA IMITARE
GIANNI MINOLI
.....*.....
Due grandi: BERLINGUER E MINOLI

IL RITORNO DI GIANNI MINOLI IN TV
…..*…..
 “Eccomi qua, sono tornato” …. Dice con quel solito ironico sorriso e la sua sicurezza che lo hanno fatto famoso. Poi scorge la sagoma di Fabrizio Salini, direttore di La7, e dice sorridendo: “Saluto prima i padroni”. È “contento e rilassato” Giovanni Minoli nel giorno dell’annuncio sul suo ritorno nel grande schermo. Ore 11, museo Maxxi della Capitale. In camicia bianca e giacca di sartoria, Minoli presenta il suo “Faccia a Faccia”, nuovo programma di attualità e storia che andrà in onda ogni domenica sera alle 20:35 a partire dal prossimo 6 novembre. “In realtà, avrei voluto chiamarlo in altro modo - afferma il giornalista - ma potete stare freschi, non vi dirò mai come”. Alla sua destra e alla sua sinistra siede lo stato maggiore di La7: l’amministratore delegato Marco Ghigliani e il direttore appunto Salini. Per quel che mi riguarda Minoli è ed è stato uno delle menti acute, serie intelligenti, che ha dato ovunque egli abbia lavorato. Quei pochi che cominciano a blaterare contro di Lui sono e rimarranno nullità: non è Gianni il rientro dei rottamati ma quello degli eroi a cui la R.A.I….prima o poi gli farà, un monumento.  MOVIMENTO ARTISTICO LETTERARIO PAOLO EMILIANI GIUDICI. Il PresidenteCalogero Di Giuseppe .

8 novembre 2016

RAGLI IN PARLAMENTO

.....*.....
Esimi amici.
Ieri 7 novembre 2016 il raduno dei sindaci italiani, nella camera dei deputati, ha dimostrato che è possibile essere seri e degni di essere chiamate persone e forse"onorevoli". l'aula strapiena così si vede raramente. E' stata una eccezione irripetibile: lo capirete continuando a leggere. Grazie
.....*.....

IL RAGLIO
 Il raglio e il verso caratteristico degli asini, ormai miei amici inseparabili, che alterna in modo discordante toni acutissimi a toni bassi…melodicamente. Diversamente di come fanno i politicanti ovunque loro parlano. Il raglio del mio amico asino Cicciuzzu (ovvero Francesco) è una melodia angelica nei loro confronti. Molti animali bipedi hanno la presunzione di essere più intelligenti… ognuno è libero di pensare quello che vuole: non mi risulta che i miei amici asini abbiano buttato delle bombe atomiche, né di aver inquinato cielo terra e mare. Ai miei amici basta pascolare in santa Pace tanto per sopravvivere. I miei amici asini non sono andati mai all’università. Anzi… quando hanno saputo che scrivo qualche verso abbastanza ritmico (non raglio) quasi quasi rifiutavano la mia amicizia. Avete mai visto un asino in galera? Avete mai visto un asino paragonarsi ad un cavallo? Avete mai visto un asino voler cambiare la “COSTITUZIONE ITALIANA”, la migliore del mondo? Eppure i disonorevoli che ci governano si credono migliori di noi asini: la pazienza è la nostra caratteristica…. Appello a tutti gli estetisti del mondo: Fisicamente non somiglio agli asini… però se trovo un bravissimo chirurgo estetico capace di rendermi loro simile… pazienza mi farò operare! Quasi… dimenticavo: se un certo Gesù di Nazareth scelse un asino piuttosto che un cavallo o un cammello ci sarà un motivo o no? Pioltello 5 11 2016 Calogero Di Giuseppe
Questi amici miei sono molto più intelligenti degli animali bipedi politicanti
 Alt bisogna rispettare i segnali.
 Hai ragione bisogna rispettare anche i bipedi.
Ha ragione Calogero: l'onestà innanzi tutto
.....*.....

27 ottobre 2016

IN MORTE DI UN POETA

EMILIO PRATA
lA GIOIA DELL'UMILTA'
Carissimi amici ci è arrivata oggi la notizia della scomparsa di Emilio Prata, il grande canta storie.     A comunicarcelo è stata la moglie. A lei e ai suoi famigliari abbiamo espresso, a nome di quanti fra i "cenacolisti" hanno avuto il piacere di conoscerlo, le più vive cordoglianze. Donato Dana e Calogero.
Mi sono sempre chiesto chi sono i poeti: degli illusi?... bolle di pessimo sapone? O anime nobili a cui piace dare e riceve amore senza alcuna pretesa? Io ho sempre dato e pochissimo ricevuto. A me basta soltanto uno sguardo, un sorriso smagliante come quello di Emilio Prata per rendermi felice. Non importa altro! Come scrive Maurizio Bernardi non nasconderemo la sua Luce. Calogero Di Giuseppe
………………*……………..
Passano, nelle buie notti d'agosto,
gli sciami di meteore.
"Stelle cadenti", come noi.
Alcune le noti appena,
altre tracciano, sul nero velluto,
lunghe, brillanti scie.
Sono i Poeti.
Ciao, Emilio.
Non scorderemo la tua luce
Maurizio Bernardi

13 ottobre 2016

E' MORTO DARIO... IL GIULLARE

DARIO FO IL GIULLARE DI TUTTE LE ARTI
.....*.....
La notizia è di questa mattina: all’ospedale Sacco di Milano, dove era ricoverato da alcuni giorni per problemi respiratori. Aveva 90 anni. Personalità incontenibile, artista poliedrico, 'giullare' della cultura italiana - amava definirsi lui - Fo era stato attivo fino all'ultimo. Il 20 settembre scorso aveva presentato a Milano il suo ultimo libro, Darwin, dedicato al padre dell'evoluzionismo. In estate, nel Palazzo del Turismo a Cesenatico, il rifugio creativo di Fo e della moglie Franca Rame, aveva esposto dipinti, opere grafiche, bassorilievi, sculture e pupazzi creati dall'artista e accompagnati da testi collegati al suo ultimo libro Darwin. 13 10 2016       
Altre notizie su Dario Fo Ciao... Dario!Calogero Di Giuseppe

8 ottobre 2016

 Juan Manuel Santos


PREMIO PER LA PACE 2016
Oslo ha scelto il suo Nobel per la Pace 2016: è il presidente della Colombia Juan Manuel Santos, che ha guidato il Paese verso il processo di pace con i guerriglieri Farc. Nonostante i colombiani abbiano preferito in maggioranza il "no" all'accordo, "questo - dice la Norvegia - non va inteso come un no alla pace. Il dissenso popolare è stato pronunciato contro una specifica formulazione dell'accordo. Perciò sottolineiamo proprio l'importanza che Santos guidi ora un più ampio dialogo, per una nuova stretta di mano che trovi basi ampie e quindi maggiore sostegno. Esortiamo tutte le parti, tutti i partiti, a dare il loro contributo". Il premio va a Santos, classe '51, giornalista e economista prima di fare politica in prima linea, diventare ministro della Difesa nel 2006 e assumere la guida della Colombia sei anni fa. Va a lui, sì, ma va anche "simbolicamente a tutti quelli che nel suo Paese hanno lottato per far avanzare la pace". Il presidente accoglie la notizia "sopraffatto, molto grato e sorpreso: il premio è estremamente importante per il futuro del processo di pace", commenta. Lui, che da ministro del governo Uribe fece guerra alle Farc, ha dato il via ai negoziati di pace - all'Avana, sono durati ben quattro anni. La scelta del Comitato, spiegano da Oslo, è di puntare su chi ha voluto spezzare la spirale di violenza di un conflitto civile che dura da mezzo secolo nel cuore d'America. La stretta di mano aveva i suoi oppositori, tra cui la destra guidata da Alvaro Uribe, e ha incontrato le resistenze di chi non voleva legittimare, garantendone l'ingresso in Parlamento, una organizzazione ritenuta responsabile di migliaia di morti, rapimenti e milioni di sfollati. Tra i punti più controversi del patto, per come è stato formulato e sottoposto a volto, ci sono l'amnistia per i guerriglieri, il loro diritto di "farsi partito" e la questione dei risarcimenti per vittime e parenti. Perché allora questo premio nonostante il popolo abbia preferito fermare l'accordo? Perché, spiega il comitato, il premio rappresenta proprio una scommessa sul rilancio del processo di pace dopo lo stop iniziale

4 ottobre 2016

MOGOL-GILETTI
I GRANDI DELLA MUSICA “LEGGERA”
MOGOL- BATTISTI.
Senza dubbio Massimo Giletti è uno dei più seri e bravi professionisti DEL “mondo” televisivo! La sua   popolarità è dovuta alla serietà con cui affronta i grandi problemi nazionali e il modo in cui li affronta i politicanti che hanno rovinato L’Italia e che continuano a farlo. È un “miracolo” che la TV italiana non lo abbia esonerato dai propri dipendenti.  Giletti affronta altri problemi con altrettanto entusiasmo come quello della “canzone” italiana: in questo caso l’affiatamento memorabile tra Mogol-Battisti per i quali ha organizzato due spettacoli con irripetibile successo. Due veri capolavori che hanno mobilitato la Canzone Italiana: con la partecipazione dei più grandi artisti italiani. Ancora oggi le Canzonette sono considerate come opere, più o meno di serie inferiori. No! Non è così! Un concetto oltre che sbagliato è anche offensivo. Sì offensivo e falso. La Poesia… veramente tale è rappresentata da tutte le arti: Pittoriche, scultoree,
Musicali, Canto e dalle tante “espressioni dell’Anima” La Poesia è un Mistero che si “adagia” anche nell'anima di assassini o gentaglia di altro genere… tanto quando su creature semplici.  La mia esperienza di paroliere, prima ancora di Giornalista e ora di modesto “poeta” mi permette di scrivere quanto sopra. Ciao... Calogero Di Giuseppe. 


LUCIOBATTISTI
Clicca sotto per saperne di più 
http://www.treccani.it/enciclopedia/mogol/


11 giugno 2016

IL GUERRIERO STANCO
Io son colui che canta/ per amore/ 
con la cetra/ e con il cuore.
....*.....

IL GUERRIERO STANCO

“Io”…
Che credevo di ferire il mondo
Con la spada dell’ardore
D’una pura giovinezza…
Eccomi… a ripensare gli anni scorsi;
E fiamme bruciare vedo
Le ingiuste ramaglie della vita.

A metà strada,
Senz’arma per lottare
Sto a pensare…
E inquieto nel cuore un travaglio
Mi dice cammina…
Mentre l’estate tarda a venire.
Vigliacco io sono,
E sto a cantare come cicala…
E penso a dormire...
Guerriero stanco io sono.
Ferito.
Perché il male soffoca l’amore
E il cuore mi distrugge da poeta.
6 Giugno 1980

Calogero Di Giuseppe
.....*.....
L'URLO  DI MUNCH

L'URLO

Dove riposa il vento
quando tutto tace?…

Dove riposa il vento
quando d'amore e morte
tremanti noi viviamo?

Dove riposa il vento
dopo la tempesta
dopo lo scompiglio delle dune
dopo quel subbuglio metamorfico
dell'infocato deserto?

Sì. Io lo so…dopo la bufera
del caos alpino, il vento…
s'acquieta nel mio cuore
per scoprire ancora una volta
con una tremenda folata
e diffondere velocemente
il mio urlo invocante amore.
Calogero Di Giuseppe.

                                            23 Gennaio 1999.

7 giugno 2016

PIPPO BAUDO

TUTTO OK
 "PIPPO NAZIONALE"
.....*.....
OTTANT'ANNI E NON LI DIMOSTRA.
La R.A.I. (Radio Televisione Italiana) è una delle più importanti del mondo: sembra quasi un “miracolo” che con i “deficienti politici” che dominano l’Italia (in quest’epoca) esista un Ente pubblico a tal livello. Questo per dire che tantissimi dirigenti e altrettanti operatori… e artisti di vario genere sono tra i più bravi del mondo: non è facile districarsi ed avere successo in una azienda “gestita da e con politicanti “di tutte le risme. Pippo Baudo invece ha saputo svincolarsi da vari tranelli sino a diventare un’icona della televisione di Stato: tanti nemici tanto onore. Persino “la mafia ha cercato di piegarlo” demolendogli una casa. Logicamente nessuno è perfetto… ma tanti altri lo sono meno di Lui.  Buon compleanno Pippo. Calogero Di Giuseppe
PENSARE E INVENTARE è IL SUO MESTIERE
 .....*.....
Bàudo, Pippo (propr. Giuseppe). - Conduttore televisivo italiano (n. Militello in Val di Catania 1936). Divenuto noto al grande pubblico con Settevoci (1966-69) e Canzonissima (1972-73), ha raggiunto il maggior successo negli anni Ottanta conducendo numerosi programmi per la RAI: Domenica in (1979-84, 1991 e 2005-09), Fantastico (1985-86 e1990), Serata d'onore (1981, 1986) e numerose edizioni del Festival di Sanremo (1968, 1984-85, 1987, 1992-96, 2002-03, 2007-08). Dal 1987 al 1988 direttore artistico di Canale 5, è in seguito tornato alla RAI dove ha raccolto nuovi successi: dapprima su Raidue con una serie di Serata d'onore (1989), poi su Raiuno con Gran Premio (1990), Varietà(1991), Luna Park (1994), Papaveri e papere (1995), Mille lire al mese (1996). Dal 1989 al 1997 direttore artistico (e dal 2000 presidente) del Teatro Stabile di Catania, nel 1994 ha assunto la direzione artistica della RAI fino alle dimissioni del maggio 1996. In seguito, rientrato in RAI, ha condotto i programmi Giorno dopo giorno (1999, divenuto nel 2000 Novecento. Giorno dopo giorno), Passo doppio (2001) e Il Castello (2002). Nel 2010 ha condotto prima Domenica in e poi su Raitre nello stesso anno Novecento e nel 2012 un nuovo programma in prima serata Il viaggio, riconfermato per una seconda edizione l'anno successivo. Dal 2014 è giurato del talent show condotto da C. Conti Si può fare!. Da treccani on line

25 maggio 2016

GIACINTO MORTO TUTTI A LODARLO

Maurizio Zuccari
GIACINTO MORTO TUTTI A LODARLO
(Detto marco Pannella)
EDITORIALE di Maurizio Zuccari martedì 24 maggio 2016 pagina 6
Se Dio esiste, l’ha accolto in paradiso come nella vignetta di Altan: dicendo addio trantran. A s’ora il buon Giacinto Pannella, detto Marco, sta rintronando l’Altissimo con le chiacchiere. Con quella logorrea che già da avvocato mancato lo fece discutere l’esame di laurea per due ore, maturando un mesto 66. È che del leguleio Pannella possedeva la prosopopea, ma per lui il fato aveva già deciso altrimenti: una carriera politica trasversale, più che radicale. Omaggiato post mortem come si conviene a un grande vecchio scomparso. Continua a leggere cliccando sul link qui sotto.
Ecco il mio breve commento pubblicato oggi su facebook
Come le pecore al pascolo circondate da cani, i politici ipocriti si sono affollati attorno al defunto "Giacinto Pannella" detto Marco leccapiedi ai ricchi e traditore degli indifesi. Complimenti a Maurizio Zuccari e a Metro che ha pubblica lo "strano Coccodrillo" che ben lo descrive. Calogero Di Giuseppe        
movimentoletterariolombardo@.it

9 maggio 2016

"LA DISCUSSIONE" 
IL SENATO ROMANO DISCUTE LA POLITICA  DELL'IMPERO
.....*.....

ALDO MORO
Statista
MòroAldo. - Uomo politico (n. Maglie 1916 - m. prob. Roma 1978). Tra i fondatori della Democrazia cristiana e suo rappresentante alla Costituente, ne divenne segretario (1959). Fu più volte ministro e come presidente del Consiglio guidò diversi governi di centro-sinistra (1963-68), promovendo (1974-76) la cd. strategia dell'attenzione verso il Partito comunista. Nel 1978 M. fu rapito e ucciso dalle Brigate rosse. Continua a leggere cliccando sul link   sotto. http://www.treccani.it/enciclopedia/aldo-moro/.
  ........*........
ALDO MORO IL  MITO 
osteggiato dagli Stati Uniti d'America sino alla morte!

29 aprile 2016

I GRANDISSIMI TEMI

Mons.Ägidius Zsifkovics,
E i grandi problemi della Chiesa Cattolica Cristiana
Fa discutere la decisione del vescovo di Eisenstadt, Mons. Ägidius Zsifkovics, di non ottemperare alla richiesta della direzione di polizia di installare su terreni appartenenti alla Chiesa un tratto della barriera che deve dividere l’Austria dall’Ungheria. Zsifkovics, che è coordinatore in tema di profughi delle Conferenze episcopali europee, spiega: “Sono consapevole della difficile situazione della Stato, ma non posso accettare per motivi di coscienza”. Aggiunge: “L’anno scorso, quando circa 200mila persone hanno passato il confine, abbiamo creato da un giorno all’altro in edifici ecclesiastici mille alloggiamenti di fortuna per famiglie sfinite, donne, bambini e persone anziane e indebolite. E ora dovremmo installare steccati sui terreni della Chiesa? È il mio corpo stesso che si ribella”. Infine: “Capisco le paure delle persone che percepisco attorno a me. Però sarei un cattivo vescovo, se non sapessi dare a queste paure una risposta cristiana. E questa risposta non è lo steccato. Semmai, in caso di necessità, un buco nello steccato!”.
…………………………………………………………………………………………………………………………………
Commento di “LA DISCUSSIONE” www.tuttokalosghero.blogspot.com
La Chiesa non può risolvere tutti i problemi causati dalle “bande politiche” in ogni angolo del mondo. (COMPRESA L’ITALIA) è troppo permissiva… talvolta a soccombere sono i deboli e i Cristiani. Ha ragione il vescovo! Mons. Ägidius Zsifkovics, Aggiungo che non dovrebbe tollerare Moschee o altro da chi non permette agli “operatori cristiani di qualsiasi tipo” di COSTRUIRE LE CHIESE CATTOLICHE. Essere Cattolici Cristiani non significa essere le pattumiere dove si buttano i rifiuti di ogni ladro politico e non. Né essere ridicolizzati nel Mondo come lo è l’Italia.
Calogero Di Giuseppe. 29 4 2016

28 aprile 2016

NESSUNA FORZA POLITICA E' IMMUNE DALLE LOBI BANCARIE

                    ROSI BINDI LA DONNA ANTIMAFIA

clicca su per leggere
ROMA- "La questione del consenso delle mafie va posta con coraggio. Tutte le forze politiche devono farsene carico insieme, per rendere il contrasto ai poteri mafiosi un elemento non di divisione, ma di unione. L'attività di inchiesta ha dimostrato che ...  Rosi Bindi: presidentessa della "COMMISSIONE ANTIMAFIA"
.....*.....
Personalmente credo che non è il caso di offendere le mafie: Essendo mafiosi,cioè persone al di fuori delle leggi italiane, non vedo qual'è la novità: sono coerenti con la loro disonestà. Ma se le camere del Senato e del Parlamento sono pieni di politici malavitosi, corrotti e corretti dalle logge e delle banche per lottare contro la "Ingiusta Giustizia" vuo dire che il popolo non ha scelta e soccombe amaramente. 
CI SCUSIAMO CON LE PERSONE ONESTE
Calogero Di Giuseppe
.....*.....
Non si fa politica con la morale, ma nemmeno senza. A MALRAUX, Francese. 
La Politica ha cessato da molto tempo di essere scienza del buon Governo, ed è diventata invece arte della conquista e della conservazione del potere.L. Bianciardi, Italiano. 
La cosa più brutta che può capitare ad un Politico è quella di avere una persona onesta NEL PROPRIO PARTITO! Calogero. Italiano.
OMAGGIO A PIERCAMILLO D'AVIGO. 

27 aprile 2016

LETTERA APERTA AL GOVERNO RENZI

MEMBRI DELL'EX POOL MANI PULITE
Piercamillo Davigo, Gerardo Colombo, Gerardo, D'Ambrosio, Antonio DiPietro
ANCORA OGGI PERSEGUITATI.
.....*.....
LETTERA APERTA
“AL CAPO DEL SGOVERNO RENZI”
USURPATORE DEL POPOLO ITALIANO
Ci scusiamo con le persone oneste.
Tu e gran parte dei membri dell’ex P.D. e i tuoi allegati del Governo ci avete tolta la possibilità di votare, vi siete messi a disposizione delle banche e delle logge di tutte le categorie per stare a galla… avete sfasciato anche l’Unione Europea. Ormai l’Italia non conta nulla ed è ridicolizzata politicamente ovunque. Tu, Renzi, e il tuo compare Berlusconi avete un accordo ferreo sottobanco da ridicoli dittatori. La differenza tra un mafioso e voi è che voi non avete il coraggio di dirlo ma il mafioso sì! Attaccare furiosamente le persone eroicamente oneste come PIERCAMILLO DAVIGO.  Dopo che il governo di allora lasciò soli Falcone e Borsellino questi sono stati uccisi. Quindi? Se lo capisco io che sono un cretino è dovere di quelli intelligenti prendere le precauzioni. Calogero Di Giuseppe

24 aprile 2016

IO NON RUBO,TU RUBI EGLI RUBA

IL PIFFERO DEL CIARLATANO
.....*.....
RENZI MATTèO
Al cittadino Matteo Renzi: nei vari dizionari e vocabolari della lingua Italiana è ben specificato:” ladro è colui che ruba”. Tu a me, e ad altri cittadini italiani, hai rubato la libertà di votare per eleggere il capo del Governo italiano. Tu e alcuni tuoi compari siete illegittimi! Quindi ladri. Andare contro le persone oneste non è una novità ma una prassi mondiale.
"Lo hanno circondato"
 Piercamillo Davigo scaricato da alcuni colleghi magistrati. Bruti Liberati, Ardituro e altri. “Non ci sono toghe buone contro l’Italia dei cattivi”.  Dicono. Ormai tutta l’Italia è tormentata da ladri e truffatori scrivo io: Calogero Di Giuseppe

22 aprile 2016

GUARDIE E LADRI

ATTACCO FRONTALE DI DAVIGO
DAVIGO
Piercamillo Davigo  presidente dell'Associazione nazionale magistrati
 torna a puntare il dito contro i fenomeni di corruzione nella politica: Clicca  sotto per leggere "Classe dirigente che delinque fa più danni dei delinquenti di strada" da Il Fatto Quotidiano - circa 2 ore fa. Re oggi 22 4 2016 ore 21,04
.....?.....
Mentre l'inchiesta sul petrolio in Basilicata riaccende lo scontro politica-magistratura, l'ex pm di Mani pulite è eletto al vertice del sindacato delle toghe. E risponde al premier che aveva ironizzato sulle proteste dei giudici per il taglio delle ferie. L'intervento prima del voto: "Non esistono governi amici né governi nemici: dialogo con la politica ma rispetto per la nostra dignità". Clicca sull'mmagine per leggere di più.

VERSO LAMPEDUSA

V E R S O L A M P E D U S A

Calogero Di Giuseppe

Donare se stessi ... è questo che dovrebbero fare tutti i Poeti.

Soprattutto amare tutto e tutti. Non bisogna essere per forza santi... ma essere coerenti con la sensibilità della “espressione dell’anima”, chiamata Poesia.

Non si può essere poeti e infischiarsene del prossimo.

Migliaia di disperati scappano verso il mare per la Libertà e la trovano nei fondali del mare...

o prima ancora nell’arsura dei deserti.

Questo mi suggerisce la poesia della sensibile amica

Luisa Colnaghi.
..............
Arrivati alla spiaggia
lacerati nel corpo
con l'animo vuoto
sono sfuggiti alla tempesta
la lingua straniera
tradita nel ricordo
… fame, freddo
del tempo coloniale
scaldati al fuoco di Dio
dividiamo il nostro pane
Sanfrancesco ha donato
veste e mantello
ha parlato al lupo
.....
27 maggio 2011Luisa Colnaghi

L'ITALIA S'E' DESTA



L’ITALIA SE DESTA





DAL 13 Giugno scorso il “Tricolore” della nostra Bandiera è più pulito. Splende di più. Si è liberato dal grigiore in cui l’avevano infangato alcuni cittadini italiani. I veri italiani non sono un popolo di ladri o puttanieri. È naturale che in una nazione vi siano delle minoranze di farabutti e degli avanzi di galera che, spesso, sopprimono i bisogni dei cittadini esemplari.



ORA L’ITALIA S’È DESTA ...



lo dimostrano gli ultimi tre eventi elettorali democratici. Finalmente l’Italia ha riscattato il proprio onore con un Nuovissimo Risorgimento Italiano". La spazzatura è ancora al potere: diamoci da fare con una scopa nuova.



Vigiliamo e non fidiamoci di nessuno.



Calogero





AUTORI OSPITI

Pioltello, Via George Bizet, Musicista

I GRANDI UOMINI

......................

PEPPINO IMPASTATO

Giuseppe Impastato è uno dei grandi eroi sacrificatosi per la dignità della Sicilia e per riscattare la dignità di ogni uomo degno di tale nome. Ha lottato contro la mafia di cui “il padre ne era componente”. La verde città di Pioltello gli ha dedicato uno dei suoi grandi giardini pubblici per bambini, in via George Bizet proprio davanti ai plessi delle scuole elementari e medie. Nel cippo che lo ricorda si può leggere una delle sue poesie sottoscritta.

Lunga è la notte

e senza tempo.

Il cielo gonfio di pioggia

non consente agli occhi

di vedere le stelle.

Non sarà il gelido vento

a riportare la luce

né il canto del gallo,

né il pianto di un bimbo.

Troppo lunga è la notte

senza tempo

infinita.

..................................................................

Ai prepotenti d’Italia, “Poetica Onestà” ricorda che sono ad un passo dalla morte: fisica e morale.

Neanche i vermi potranno sopportare la loro anima puzzolente.

Calogero