30 aprile 2017

LA CAMERA DEGLI IMPUTATI

Che Dio ci aiuti...
Laura Boldrini: 
presidentessa dei Deputati onesti e disonesti.
LETTERA APERTA ALLA PRESIDENTESSA DELLA CAMERA LAURA BOLDRINI
Credo che Lei sia una persona per bene tra persone indegne di Lei e del ruolo che svolgono. La prego di chiamare i componenti della Camera DEPUTATI e non ONOREVOLI: è TROPPO OFFENSIVO per i Deputati onesti che onorano veramente l’Italia. Come Lei sa gran parte dei politicanti hanno a che fare con la Giustizia: già condannati e osano ancora calpestare i diritti dei cittadini bisognosi. 29 4 2017 Calogero Di Giuseppe.

12 aprile 2017

CHE DIO CI AIUTI

Valeria Fabrizzi attrice.
.....*.....
CHE DIO NON VI AIUTI
Produttori e regista!
CHE DIO CI AIUTI è una fiction della nostra R.A.I. TV.  Con ottimi attori e un bravo regista. Ma il messaggio semi comico che lancia può causare degli equivoci che certamente non sono da lodare. Nessun convento di suore, o di altre organizzazioni della Chiesa Cattolica Apostolica Romana funziona come descritto dalla fiction. Si ha l’impressione di assistere a una commedia di matti più che a un messaggio culturale o di svago. Si può dare lavoro ai cineasti anche facendo opere almeno discrete.
Calogero Di Giuseppe . Mail: discussione24@libero.it

28 marzo 2017

SE NON CI FOSSE IL PAPA

TUTTO OK: 
Il popolo di Dio è conTe.
.....*.....
SE NON CI FOSSE LA CHIESA
IL PAPA A MILANO

Se non ci fosse la CHIESA non ci sarebbe il Papa… e neanche l’organizzazione mondiale di diverse categorie di istituti sempre a favore dei deboli, degli analfabeti ecc. Nessuna Nazione al mondo è paragonabile all’importansa e al “potere”, temporale e spirituale della Chiesa. Lo ha dimostrato Papa Francesco a Milano. Lo ha dimostrato anche quando ci ha informati della “TERZA GUERRA MONDIALE a pezzettini”. Che nessuno dei “regi microfoni” detti giornalisti… servi del potere cosiddetto politico ci ha informati. La Chiesa sostituisce lo Stato italiano nelle deficienze: si occupa anche del benessere dei cittadini malati, drogati, affamati, senza fissa dimora e cosi via all’infinito. Gli attuali buffoni (chiedo scusa a chi fa il proprio dovere) che ci governano non hanno nessuna dignità e nessuna intenzione di essere al servizio dello Stato. Ricordo che almeno 80% hanno a che fare con la Giustizia Italiana. Se non ci fosse la CHIESA, anche se imperfetta, lo Stato Italiano non esisterebbe. Riflettiamo amici… riflettiamo: aiutiamoci l'un l'altro.  Calogero Di Giuseppe 

8 marzo 2017

LA POLITICA DEI LADRI

LA POLITICA DEI LADRI IN PARLAMENTO?
PER ANNI CONTRO DI PIETRO E
Contro tutti gli onesti!
Con l'aiuto anche dai media.
Antonio Di Pietro del pool di
MANI PULITE
.....*.....
Calogero Di Giuseppe Poeta- Scrittore
Sostenitore di Antonio Di Pietro
......*.....
                                                                    SENZA ALCUNA DIGNITA’
Ormai la nostra politica è guidata senza alcuna onestà: da persone non solo incapaci ma anche disonesti e senza dignità. Come si fa a paragonare un parlamentare di oggi con quelli della "Prima Repubblica?" Con questi "stronzi" ogni idea, ogni proposta porta al furto. Come si fa a paragonare Renzi con Aldo Moro, Enrico Berlinguer? e tanti altri eroi che hanno sprecato il loro tempo inutilmente? Dov'è la Democrazia? Ieri sera ho assistito a Porta a Porta un "dialogo" tra Bruno Vespa e la sua ospite... mi pare La Boschi P.S. da soli. Senza alcun altro interlocutore: e senza alcuna vergogna. Come diceva Bartali: tutto è perduto. Eppure Vespa deve tutto alla Democrazia Cristiana... cioè a De Mita che gli ha fatto avere il posto alla R.A.I. Ciao Calogero Di Giuseppe, 8 marzo 2017
 E IO PAGO... E IO PAGO...

TOTO’
Ovvero ANTONIO DE CURTIS
CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE
Ricordare il geniale artista Totò è un dovere oltre che un piacere.
Nome d'arte dell'attore Antonio De Curtis (Napoli 1898 - Roma 1967). Esordì nel caffè-concerto imitando la "marionetta" creata da G. De Marco, per passare poi (1926) nelle compagnie di operette Maresca, che cominciavano a rappresentare riviste, come comico-grottesco. In seguito, a capo di una propria compagnia, si affermò (1929) nella parodia dei Tre Moschettieri di M. Manzini. Comico di grande forza e mimo eccezionale, erede della grande tradizione partenopea e insieme di certo "assurdo" petroliniano, è stato interprete acclamatissimo di riviste di grande successo (Ma che ti sei messo in testa? 1944; Con un palmo di naso, 1944). Nel cinema dal 1937 (Fermo con le mani), mettendo a frutto la lezione dell'avanspettacolo diede vita, con la sua raffinatissima tecnica dei tempi di recitazione e un'impressionante abilità nei giochi linguistici, a un monumento di comicità insuperabile. Fra i suoi numerosissimi film, si ricordano: Animali pazzi (1939); San Giovanni Decollato (1940); Totò le Mokò (1949); L'imperatore di Capri (1949); Totò cerca casa (1949); Napoli milionaria (1950); Guardie e ladri (1951); L'uomo la bestia e la virtù (1953); L'oro di Napoli (1954); Totò, Peppino e la malafemmina (1956); I soliti ignoti (1958); Uccellacci e uccellini (1966); Che cosa sono le nuvole (episodio di Capriccio all'italiana, 1967). Scrisse anche poesie in dialetto napoletano: 'A livella (1964); Dedicate all'amore (post., 1977) Clicca su. http://www.treccani.it/enciclopedia/toto/

 .....*.....
ALDO MORO, STATISTA
ALDO MORO MARTIRE
Assassinato dalle Brigate Rosse
e forse dagli Stati Uniti d'America.
UN'ALTRO EROE ITALIANO
che ha lottato contro le mafie
e contro i politici corrotti.
Esemplare sindaco di Palermo.


4 marzo 2017

TOTO' A 50 ANNI DALLA MORTE



TOTO’
ovvero ANTONIO DE CURTIS
CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE
Ricordare il geniale artista Totò è un dovere oltre che un piacere.
Nome d'arte dell'attore Antonio De Curtis (Napoli 1898 - Roma 1967). Esordì nel caffè-concerto imitando la "marionetta" creata da G. De Marco, per passare poi (1926) nelle compagnie di operette Maresca, che cominciavano a rappresentare riviste, come comico-grottesco. In seguito, a capo di una propria compagnia, si affermò (1929) nella parodia dei Tre Moschettieri di M. Manzini. Comico di grande forza e mimo eccezionale, erede della grande tradizione partenopea e insieme di certo "assurdo" petroliniano, è stato interprete acclamatissimo di riviste di grande successo (Ma che ti sei messo in testa? 1944; Con un palmo di naso, 1944). Nel cinema dal 1937 (Fermo con le mani), mettendo a frutto la lezione dell'avanspettacolo diede vita, con la sua raffinatissima tecnica dei tempi di recitazione e un'impressionante abilità nei giochi linguistici, a un monumento di comicità insuperabile. Fra i suoi numerosissimi film, si ricordano: Animali pazzi (1939); San Giovanni Decollato (1940); Totò le Mokò (1949); L'imperatore di Capri (1949); Totò cerca casa (1949); Napoli milionaria (1950); Guardie e ladri (1951); L'uomo la bestia e la virtù (1953); L'oro di Napoli (1954); Totò, Peppino e la malafemmina (1956); I soliti ignoti (1958); Uccellacci e uccellini (1966); Che cosa sono le nuvole (episodio di Capriccio all'italiana, 1967). Scrisse anche poesie in dialetto napoletano: 'A livella (1964); Dedicate all'amore (post., 1977). http://www.treccani.it/enciclopedia/toto/



.....*.....
LA NOSTRA SATIRA
"Ci scusiamo con le persone oneste"
LA CAMERA DEGLI IMPUTATI
un covo di vipere?
Questi esseri striscianti e ingarbugliati 
rappresentano bene il Parlamento italiano?
La differenza c'è: non sono indagati per truffe o altro.
Come la maggior parte dei parlamentari ?
nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn
Attento Gentiloni... 
i tuoi compagni mordono.. e come...
.....*.....


7 febbraio 2017

IL FESTIVAL DI SANREMO

SINONIMO DI SPERANZE E DELUSIONI
LA REGINA NILLA PIZZI
.
IL 1° presentatore del Festival
NUNZIO FILOGAMO
...*...
IL FESTIVAL DI SANREMO

CALOGERO DA PAROLIERE A POETA?
Tra le cose più belle che Dio ha creato ci sono gli animali… e tra loro gli uccelli… che a noi bestie umane ci hanno insegnato il canto e l’armoniosa musica… che con la Poesia sprigionano sentimenti indescrivibili e infiniti.  La natura ha dato ai pittori il piacere di cimentarsi con i vari colori, agli scultori il genio di ripetere varie forme fisiche vere o inventate. Per 70 anni il FESTIVAL DI SANREMO ha dato la possibilità di osannare il Canto con le ugole d’oro… ma anche col raglio degli asini. Purtroppo ognuno di noi è soggetto a sbagliare e aggiungere elementi non utili come la vanità del sesso: “vedi farfalla tra le cosce” e tantissime altre cose volgari e indescrivibili. L’egoismo supera ogni cosa: senza alcun rispetto né per sé stessi né per gli altri. Vi domando e mi domando: perché non mettere un regolamento che non si possa partecipare più di una volta? Anche ai conduttori: Uno alla volta per Carità. Finirebbero tutti i trucchi e trucchetti e raccomandazioni di vario tipo! Le case discografiche? Sono loro che scelgono chi e come. Quanto sopra senza alcun astio è solo un mio umile “quasi pensiero”.  7- 2-2017.
Calogero Di Giuseppe


18 dicembre 2016

PAPA FRANCESCO



ROMA 17 DICEMBRE 2016 
FESTA MONDIALE PER IL PAPA
I senza tetto e il Papa.
Ama il prossimo tuo come te stesso.
A Francesco Bergoglio (Papa Papà) auguri da tutto il mondo per suo compleanno. Lui fa colazione con i senzatetto e offre dolci nelle mense dei poveri di Roma. Ai cardinali chiede: "Pregate perché la mia vecchiaia sia tranquilla, religiosa, feconda e gioiosa". E a maggio sarà a Fatima. Papa Francesco ha iniziato il giorno del suo ottantesimo compleanno facendo colazione insieme ai senzatetto, invitati nella sua residenza di Casa Santa Marta. Dolci argentini e bevande calde, mentre il pontefice e i suoi ospiti dialogavano per mezz'ora. Poi il Papa ha celebrato messa insieme ai cardinali nella Cappella Paolina. E ha concluso l'omelia dicendo: "Un po' di umorismo aiuta ad andare avanti. Il Signore ci dia questa grazia". Ogni Papa ha le sue caratteristiche… Papa Bergoglio ha quella di conservare le origini differenziandosi dai suoi predecessori in modo originale e straordinario.

VERSO LAMPEDUSA

V E R S O L A M P E D U S A

Calogero Di Giuseppe

Donare se stessi ... è questo che dovrebbero fare tutti i Poeti.

Soprattutto amare tutto e tutti. Non bisogna essere per forza santi... ma essere coerenti con la sensibilità della “espressione dell’anima”, chiamata Poesia.

Non si può essere poeti e infischiarsene del prossimo.

Migliaia di disperati scappano verso il mare per la Libertà e la trovano nei fondali del mare...

o prima ancora nell’arsura dei deserti.

Questo mi suggerisce la poesia della sensibile amica

Luisa Colnaghi.
..............
Arrivati alla spiaggia
lacerati nel corpo
con l'animo vuoto
sono sfuggiti alla tempesta
la lingua straniera
tradita nel ricordo
… fame, freddo
del tempo coloniale
scaldati al fuoco di Dio
dividiamo il nostro pane
Sanfrancesco ha donato
veste e mantello
ha parlato al lupo
.....
27 maggio 2011Luisa Colnaghi

L'ITALIA S'E' DESTA


L’ITALIA SE DESTA



DAL 13 Giugno scorso il “Tricolore” della nostra Bandiera è più pulito. Splende di più. Si è liberato dal grigiore in cui l’avevano infangato alcuni cittadini italiani. I veri italiani non sono un popolo di ladri o puttanieri. È naturale che in una nazione vi siano delle minoranze di farabutti e degli avanzi di galera che, spesso, sopprimono i bisogni dei cittadini esemplari.


ORA L’ITALIA S’È DESTA ...


lo dimostrano gli ultimi tre eventi elettorali democratici. Finalmente l’Italia ha riscattato il proprio onore con un Nuovissimo Risorgimento Italiano". La spazzatura è ancora al potere: diamoci da fare con una scopa nuova.


Vigiliamo e non fidiamoci di nessuno.


Calogero



in allestimento

Pioltello, Via George Bizet, Musicista

I GRANDI UOMINI

......................

PEPPINO IMPASTATO

Giuseppe Impastato è uno dei grandi eroi sacrificatosi per la dignità della Sicilia e per riscattare la dignità di ogni uomo degno di tale nome. Ha lottato contro la mafia di cui “il padre ne era componente”. La verde città di Pioltello gli ha dedicato uno dei suoi grandi giardini pubblici per bambini, in via George Bizet proprio davanti ai plessi delle scuole elementari e medie. Nel cippo che lo ricorda si può leggere una delle sue poesie sottoscritta.

Lunga è la notte

e senza tempo.

Il cielo gonfio di pioggia

non consente agli occhi

di vedere le stelle.

Non sarà il gelido vento

a riportare la luce

né il canto del gallo,

né il pianto di un bimbo.

Troppo lunga è la notte

senza tempo

infinita.

..................................................................

Ai prepotenti d’Italia, “Poetica Onestà” ricorda che sono ad un passo dalla morte: fisica e morale.

Neanche i vermi potranno sopportare la loro anima puzzolente.

Calogero